Raccorderia nautica: cosa cambia con la nuova norma ISO 9093-2020

Raccorderia nautica: cosa cambia con la nuova norma ISO 9093-2020

Operativa da dicembre 2020, la nuova normativa ISO 9093 dedicata ai raccordi nautici presenta diversi e fondamentali aggiornamenti rispetto alla precedente ISO 9090.
La norma specifica infatti i requisiti per i raccordi passascafo, le valvole a scafo, i collegamenti dei tubi flessibili, i loro raccordi e la loro installazione in unità di piccole dimensioni aventi uno scafo di lunghezza fino a 24 m.

Tutte le parti e componenti delle piccole imbarcazioni nautiche (dalle linee di imbarco e scarico dell’acqua, fino alle uscite dell’acqua di scarico) devono rispondere a specifici requisiti, in riferimento a caratteristiche dei materiali, resistenza, test e utilizzo degli stessi. Eccoli nello specifico:

Requisiti dei materiali
I materiali utilizzati per i raccordi (valvole, passascafi, portagomma e raccordi utilizzati sotto la linea di galleggiamento) devono essere resistenti alla corrosione indipendentemente dal fluido convogliato.

Combinazione dei materiali
I materiali metallici che combinati (come l’uso di fascette metalliche) possano portare alla corrosione galvanica devono essere isolati. L’utilizzo di materiali non metallici deve tenere in considerazione il corretto grippaggio.

Resistenza agli sforzi meccanici
Valvole, passascafi e portagomma non metallici devono soddisfare il test di resistenza prescritto.

Temperature di esercizio
Il range di temperature di esercizio è definito da 0°C a 60°C.

La normativa si muove esattamente nella direzione portata avanti dalla BUCCHI S.r.l, nella scelta vincente di utilizzare prodotti in tecnopolimero per il settore nautico, vantaggiosi ed efficienti rispetto ai tradizionali raccordi in metallo: tutti i prodotti BUCCHI destinati all’uso su imbarcazioni da diporto con lunghezza inferiore ai 24 metri sono sottoposti agli accertamenti previsti dalla norma ISO 9093 e sono certificati BUREAU VERITAS, rispondono efficacemente ai test di resistenza e ai range di temperature di esercizio richiesti dalla normativa.